Home > Notizie ed eventi > La "Grande Corsa" non sfugge a Lucky

La "Grande Corsa" non sfugge a Lucky

05.11.2018

Archiviato il campionato italiano (altro titolo finito ad impreziosire l’immensa bacheca), Lucky s’è tolto lo sfizio di vincere anche la Grande Corsa, rally per auto storiche con base a Chieri, organizzato dal gruppo "Amici di Nino" promotori del Memory Fornaca che il vicentino ha fatto suo per la seconda volta consecutiva.

Al volante della Delta integrale e coadiuvato da Fabrizia Pons, Lucky ha dominato la gara, vincendo otto delle nove prove speciali in programma, mantenendo sempre il comando del rally. Ha marciato come uno schiacciasassi, lasciando agli avversari solo la possibilità di lottare per la piazza d’onore, tanta è stata la sicurezza con la quale ha messo in riga gli avversari.
Lucky è andato in Piemonte, ultima prova valida per il Memorial, pur avendo già la matematica certezza che il trofeo era saldamente nelle sue mani e che nessuno avrebbe potuto strapparglielo. Una presenza per onorare Nino Fornaca, grande appassionato di motori e instancabile promotore di manifestazioni rallystiche, e dare lustro alla competizione.
Scattato col numero uno sulle portiere, Lucky è partito immediatamente all’attacco, fermando i cronometri sul miglior tempo nella prova di apertura, Rivalba, andata in scena subito dopo le verifiche. Gli sono bastati pochi chilometri per rifilare a Bertinotti-Rondi, su Porsche 911 Rsr, e a Valliccioni-Cardi (Bmw M3) oltre sette secondi.
Alla ripresa delle ostilità, dopo la pausa notturna, il vicentino ha allargato il divario infilando di prepotenza, una dietro all’altra, le speciali di Moncucco, Montafia e Cinaglio, sempre con Bertinotti e Valliccioni alle calcagna sia pur ad una trentina di secondi.
Sul primo passaggio a Monale, il pilota vicentino ha tirato il fiato, lasciando il successo parziale ai toscani Salvini-Tagliaferri su Porsche 911 Rs i quali ne hanno approfittato pe risalire la classifica e portarsi alle spalle dei due battistrada complice l’uscita di Bertinotti- Rondi: finiti lunghi in una curva, sono stati costretti al ritiro.
Lucky-Pons, per nulla intimoriti dall’avvicinamento di Salvini, si sono prontamente rifatti vincendo le ripetizioni delle prove di Moncucco, Montafia, Cinaglia e Monale: un poker che di fatto ha incrementato il loro vantaggio sul resto della truppa.
Alle spalle dei due si sono meritatamente piazzati Salvini-Tagliaferri, bravi ad approfittare della resa di Bertinotti e a superare il francese Valliccioni che in tutte le prove speciali ha ottenuto sempre il terzo tempo. Cliente ostico, il transalpino: a fine agosto ha soffiato proprio a Lucky il successo nell’Alpi Orientali.
Quarta piazza per Mimmo Guagliardo, in coppia con Francesco Granata, su Porsche 911 Scrs, mai entrato nella sfida per la vittoria. Il siciliano ha chiuso ad oltre 1’10", precedendo il rientrante Nicholas Montini (Porsche) e il biellese Davide Negri su Carrera Rs.
Settimo Tiziano Nerobutto del Team Bassano con l’Opel Ascona 400 coadiuvato da Cavagnetto mentre sono state costrette al ritiro Isabella Bignardi e Lucia Zambiasi con l’Opel Kadett Gte.
Alla "Grande Corsa" ha partecipato anche Alberto Battistolli. Lasciata ai box la Fiat 131 Abarth, il ventenne vicentino ha fatto da apripista con una Seat eo FR, vettura capace di sviluppare 190 cavalli. Un buon allenamento in vista degli ultimi impegni stagionali: Tuscan Rewind a Montalcino e Rally d i Monza.
Nebbia e umidità hanno accompagnato gli equipaggi lungo il percorso mentre la pioggia s’è fatta vedere solo alla fine, a prove cronometrate terminate, in prossimità del traguardo.
"Una vittoria netta - il commento di Rudy Dalpozzo, direttore sportivo della K Sport che preparara la macchina di Lucky - nonostante avversari forti e preparati. Gigi s’è presentato a Chieri in grande forma, impeccabile e preciso. Non ha sbagliato nulla."
La prossima settimana Lucky e Rudy ritorneranno a far coppia, come ai tempi in cui difendevano da piloti professionisti, i colori della Opel. Parteciperanno al Valpantena con una Fiat 131 Abarth all’insegna del puro divertimento.

(testo di Roberto Cristiano Baggio)